• Magazine

Palestra: corpo libero o attrezzi?

Iniziare un percorso di allenamento può essere complicato. Cosa è meglio fare?

Esercizi a corpo libero oppure sala attrezzi?

Bene, vediamo di chiarire questo dilemma.

Tutte le attività motorie senza l’uso di attrezzi vengono definite “a carico naturale” poiché la resistenza è rappresentata dal peso corporeo e sono quindi considerate più leggere. Al contrario, le altre sono considerate più pesanti e difficili perché necessitano di carichi aggiuntivi (pesi).

Questo porta spesso chi inizia un percorso di allenamento a preferire le attività a corpo libero, anziché quelle con gli attrezzi. Un’altra considerazione che porta a questa scelta è la necessità, secondo alcuni, di iniziare il programma di allenamento con una fase di condizionamento aerobico (attività aerobiche, quali la corsa lenta, la bicicletta, il nuoto, ecc.), prima di passare eventualmente al potenziamento muscolare con l’uso di attrezzi.

Non è detto però che le attività a corpo libero siano sempre di tipo aerobico e leggere, specialmente per il principiante.

In primo luogo bisogna capire quale obiettivo si vuole raggiungere: massa o resistenza?

Se l’obiettivo è l’ipertrofia muscolare bisogna tener presente che essa si ottiene quando il nostro organismo attua una risposta ad uno stimolo dato da un sovraccarico; quando invece si usano carichi più leggeri, il corpo usa il principio del reclutamento muscolare: recluta cioè il numero minimo di fibre muscolari per svolgere il lavoro.

Vediamo allora vantaggi e limiti di ciascuna di queste metodologie.

Allenamento a corpo libero

Il più grande vantaggio dell’allenarsi a corpo libero è il fatto che molti esercizi possono essere eseguiti quasi ovunque, a casa o in palestra. D’altra parte il più grande svantaggio di questa forma di allenamento è che la progressione di resistenza non può essere aumentata facilmente né può essere quantificata in maniera semplice come può accadere con i pesi.

Vantaggi:

  • Permette di tonificare i muscoli allungandoli senza che aumentino di volume;
  • Sviluppa il senso di equilibrio del corpo;
  • Interessa tutti i muscoli del corpo in modo omogeneo in quanto è più difficile isolare dei gruppi muscolari;
  • Migliore effetto cardio, grazie alla velocità con cui l’esercizio è svolto.

Limiti:

  • Difficile allenare specificamente certi gruppi muscolari, come i deltoidi, il trapezio, i glutei;
  • Raggiunto un certo livello, si progredisce più lentamente e diventa necessario modificare l’esercizio perché sia nuovamente efficace.

Allenamento con pesi

Semplificando il concetto, potremmo dire che con i pesi – una volta che sia stata consolidata l’esecuzione del movimento – ci si può concentrare sul diventare più forti.

Vantaggi:

  • Aumenta la massa muscolare in proporzione al carico utilizzato;
  • Permette di isolare gruppi muscolari e risolvere asimmetrie; è ideale per modellare cosce e glutei;
  • Il carico distribuito su più arti aiuta a sviluppare il coordinamento nel movimento.

Limiti:

  • Richiede una tecnica più avanzata per svolgere correttamente il movimento e, soprattutto, evitare infortuni;
  • Se principianti, è indispensabile l’assistenza di un personal trainer.

Quindi? Meglio pesi o corpo libero?

La soluzione sta nel fatto che questi allenamenti non sono affatto indipendenti l’uno dall’altro ma complementari fra loro, e possono essere integrati dosandoli in funzione dei nostri obiettivi.